Ass. Studium Naturae, Via Fosso Paradiso, 127, 66100 Chieti Scalo (CH)+39 329.56.72.084info@studiumnaturae.com

Missione

Chi siamo

Studium Naturae è un’associazione culturale nata per la divulgazione, la tutela e la promozione delle bellezze della Natura nel Dicembre del 2012, da un’idea di Umberto La Sorda e Chiara Schettini, abruzzesi appassionati di Naturalismo e Fotografia. 

In pochi mesi di attività abbiamo creato un solido gruppo di persone attive, capaci, e soprattutto legate da una passione comune: quella per la Natura.

 

Amiamo osservare, scoprire e capire il mondo che ci circonda, giorno dopo giorno, e ci piace condividere la meraviglia, lo stupore e l’incanto davanti agli spettacoli che la Natura ci offre con chi sa apprezzare la magia in una goccia di rugiada, nelle ali di una farfalla, nella silhouette di un cervo che si staglia contro il cielo terso, in un notturno stellato.

Studium Naturae è Abruzzo, e non solo: siamo molto legati alla nostra meravigliosa Terra, ricca di tesori naturalistici e di luoghi incantati, ma nel nostro spirito la curiosità e la passione per il mondo naturale non hanno confini.

A distinguerci è la nostra visione romantica della Natura: giornate trascorse all’aria aperta ad osservare, fotografare ed imprimere su carta le nostre sensazioni.

Cultura, Arte, Ambiente: Studium Naturae è tutto questo, e molto di più.

Amore per la Natura.

logo

Abbiamo scelto questo nome per un motivo molto semplice: in latino, il termine studium, significa amore, passione, cura dedizione.
Lo scarabeo che ci rappresenta è in molte culture un portafortuna, e gli per gli Egizi incarnava la divinità Khepri, uno degli aspetti di Ra. Khepri, ogni mattina, spingeva fuori il Sole dall’oltretomba e ve lo riconduceva alla sera, regolando il susseguirsi di giorno e notte, di vita e morte, e del loro continuo ciclo: quello della Natura.

Ecco chi siamo, ragazzi che alla sera guardano documentari e sognano di terre lontane, che nelle gelide mattine d’inverno si svegliano all’alba per avere la luce migliore, e che sotto il sole di agosto, a mezzogiorno, rimangono per ore ad osservare un anfibio raro, fino a rischiare il colpo di calore.
Ragazzi curiosi, tipi “strani” che parlano ad insetti ferocissimi come fossero cuccioli di labrador…
Un piccolo popolo che gira per monti e valli con un cavalletto, una reflex in mano e tanta, tanta passione.

Menu